LICEO
CLASSICO LINGUISTICO
SCIPIONE MAFFEI
Verona
Medaglia d'oro ai Benemeriti
della Scuola, della Cultura, dell'Arte
Natale 2016

In un tempo in cui le parole sembrano aver perso il loro potere rasserenante e riconciliante, affido ai versi di Cristina Alziati, poetessa italiana oggi a Berlino, il mio più vicino augurio a tutte e tutti voi per un  Sereno Natale.

Scrivo ora da qui, dove tocca

il crinale dei monti il Grande carro

e l'aria è un suono di cristallo.

Dentro la notte spessa, cieca

- fatte salve le stelle -

per il pascolo alpino me ne vado

in un anno preciso, in una

località precisa dell'Europa

al cospetto assoluto del Grande carro

che adagia per sempre sul crinale dei monti.

Dentro i miei versi

qualcuno ha domandato

perché siano i destini

feriti della storia, a insistere

e l'indigenza dei corpi delle specie

e insieme questo, che accampa tutto intero,

incanto del creato, ed una gioia.

Nell'aria ferma di cristallo

muove ora una voce - sono

in un luogo strano

e dentro un tempo strano, dice.

O forse è un'eco. Ma io non so

se sia dal fondo della valle

o dai larici radi, a provenire;

e non lo so dove rifranga

se mentre dice proprio qui

esisto, ed ora io

dai secoli ed altrove esisto la odo dire.

 


Pubblicata il 23 dicembre 2016

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.